Televizijos bokštas




Nella foto: la "Torre della televisione" di Vilnius. Alta 326,5 metri, fu ultimata nel 1980. Il 13 Gennaio 1991, dopo la proclamata indipendenza della Lituania, le truppe sovietiche ne presero il controllo. La popolazione tentò di insorgere e negli scontri morirono 14 civili, un soldato russo e in 700 rimasero feriti.

Avvertenza

E' consentito riportare e linkare gli articoli di questo sito, a patto che vengano riportati nome, cognome e fonte. L'autore si avvale della facoltà di tutelare i contenuti qui pubblicati nelle sedi e nei modi che riterrà più opportuni.
Il blog di Andrea Russo è un sito di opinione e di intrattenimento. Non è, nè intende, essere una testata giornalistica e non ne ha le caratteristiche (redazione, periodicità fissa, registrazione presso un tribunale, et cetera).
E' pertanto dispensato dalle regole riguardanti la stampa nei periodi elettorali.

La tua pubblicità su questo sito

LA TUA PUBBLICITA' SU QUESTO SITO

Il blog di Andrea Russo conta più di 30 000 pagine visualizzate all'anno. Vuoi pubblicizzare la tua attività su queste pagine? Puoi contattarmi all'indirizzo email: andrearusso1979@hotmail.it


domenica 13 dicembre 2015

Pier cortese - Souvenir


Nella foto: Pier Cortese, a sinistra, con Roberto Angelini, altro ottimo cantante-meteora.

Certe volte penso che nella musica non ci siano più talenti della musica leggera pari a quelli degli anni '70-'80. A volte però ci sono degli episodi che mi  fanno pensare che i bravi artisti ci sono in giro, ma non gli viene data una opportunità o non vengono compresi abbastanza.


Di certo c'è che Pier Cortese, nel 2005, fece un bell'exploit con un video trasmesso a raffica per le tv musicali. La canzone era "Souvenir", bellissima e raffinata. Il brano era supportato da un videoclip che univa eleganza e stereotipo, senso estetico ed esigenza commerciale.

"Souvenir" fu una bella cannonata, fu un fulmine a ciel sereno in un pop italiano già ridimensionato.

Pier Cortese non girò più tanto per radio e nei maggiori network televisivi, fatta eccezione per un programma in cui fece il conduttore, una apparizione fugace in un festival di Sanremo e qualche altra sortita qua e là.

Nonostante questo, continuò ad essere attivo in vari progetti.

Ma l'immagine più vivida che rimane impressa è lui col cappellino bohemienne che ricorda alcuni film di Celentano. Lo stesso nome sembrava fatto apposta per promuovere quella sua canzone filo-francese: "Cortese" come l'amore cortese, una categoria stilistica dei poeti francofoni medievali. Invece no, Pier sta per Pierfrancesco Cortese, romano classe 1977, ancora giovane e molto attivo. Chissà, a volte le comete come lui ritornano a farsi guardare nella notte stellata.

Buon ascolto.




Nessun commento: