Televizijos bokštas




Nella foto: la "Torre della televisione" di Vilnius. Alta 326,5 metri, fu ultimata nel 1980. Il 13 Gennaio 1991, dopo la proclamata indipendenza della Lituania, le truppe sovietiche ne presero il controllo. La popolazione tentò di insorgere e negli scontri morirono 14 civili, un soldato russo e in 700 rimasero feriti.

Avvertenza

E' consentito riportare e linkare gli articoli di questo sito, a patto che vengano riportati nome, cognome e fonte. L'autore si avvale della facoltà di tutelare i contenuti qui pubblicati nelle sedi e nei modi che riterrà più opportuni.
Il blog di Andrea Russo è un sito di opinione e di intrattenimento. Non è, nè intende, essere una testata giornalistica e non ne ha le caratteristiche (redazione, periodicità fissa, registrazione presso un tribunale, et cetera).
E' pertanto dispensato dalle regole riguardanti la stampa nei periodi elettorali.

La tua pubblicità su questo sito

LA TUA PUBBLICITA' SU QUESTO SITO

Il blog di Andrea Russo conta più di 30 000 pagine visualizzate all'anno. Vuoi pubblicizzare la tua attività su queste pagine? Puoi contattarmi all'indirizzo email: andrearusso1979@hotmail.it


domenica 19 aprile 2009

Separati alla nascita







Toto Cutugno e Caetano Veloso: una somiglianza impressionante

martedì 14 aprile 2009

Avventurieri fuorilegge o gente comune?

In tutti i circoli ricreativi italiani e in molti tipi di locali pubblici e alberghi è obbligatorio appendere a una parete una nota della questura che è ricettiva delle norme vigenti, in particolar modo dell’articolo 86 di un Regio decreto del 1931, denominato Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

Questo decreto, aggiornato varie volte fino al 2008 è ancora in vigore.
Va integrato con quanto dispongono gli articoli 718 e seguenti del Codice Penale e con diverse leggi varate dal 2001 ad oggi.

Viene dunque riportata nei locali la “Tabella dei giochi proibiti”, secondo la quale vengono vietati moltissimi giochi, alcuni all’apparenza anche innocui. Si tratta di giochi conosciuti e misconosciuti, arcaici o ancora in voga, tra le popolazioni italiane del nord, del centro e del sud.

Ne cito alcuni: Sette e mezzo, Tombola, Asso sbarazzino, Poker, Zecchinetto, Baccarat, Briscola Francese.
Ma non mancano in questa lista il biliardo e il biliardino, le macchine da gioco, le scommesse, le macchine che danno in vincita una posta in palio superiore a venti volte l’importo inserito per giocare.

Alcuni nomi sono enigmatici, e gli avventori che leggono si sbizzarriscono nelle più fantasiose interpretazioni: la Passatella al tocco, il Gibellino (che poi non sarebbe altro che il “testa o croce”), la Rollina, lo Zurlo, la Bazzica, la Parigina.

Sono inoltre proibiti i videogiochi ai minori di 16 anni.

In teoria anche le famiglie che il 25 dicembre si riuniscono negli alberghi vacanzieri a giocare a tombola o a rubamazzo violerebbero le leggi del codice penale.

Nella vita reale, però, emerge in modo chiaro come la tolleranza di quei giochi a volte più, a volte meno innocenti che vanno per la maggiore è tangibile ed anzi promossa dallo Stato stesso.

Non è lo Stato infatti che autorizza la nascita dei Casinò municipali, delle sale bingo? Le lotterie, i gratta e vinci, la schedina del totocalcio e tante attività simili sono gestite dallo Stato.

Il problema non è stabilire se il gioco d’azzardo sia legale o meno, e non lo è nemmeno la discordanza di leggi vecchie e nuove (i governanti si adeguano al buonsenso, e le forze di polizia agiscono solo nei casi più gravi (mancanza di permessi, frodi, macchinette truccate, somme troppo alte giocate tra privati a carte).

Il vero problema è di natura morale: deve ancora, lo Stato, avere un ruolo di educatore?

La perdita di beni o di grosse somme può mettere sul lastrico famiglie intere e avere effetti drammatici.
E’ per questo che fa un po’ storcere il naso vedere le tv nazionali pubblicizzare le agenzie di scommesse che invitano a giocare a poker con soldi veri, tramite internet.

E’ sempre per questo stesso motivo che si dovrebbe riaprire un dibattito serio su fino a che punto debba essere consentito lasciarsi trascinare dall’adrenalina del gioco.

www.dressup.smMaglioni originali Woolrich

Importante- Nuovo comunicato stampa (13 Aprile) di Rifondazione Comunista

A Camarda da sabato sera la cucina di Rifondazione Prosegue incessante l'impegno di solidarietà attiva di Rifondazione Comunista.Da sabato sera abbiamo installato una nostra cucina anche a Camarda, paese che giustamente lamentava carenza di soccorsi.Riassumiamo i primi numeri della solidarietà attiva di Rifondazione Comunista.Rifondazione al momento ha montato e gestisce, in coordinamento con la Protezione Civile, le cucine nei 2 campi di San Biagio (Tempera) e Camarda per circa un migliaio di sfollati.Su Pescara sono stati attivati 10 magazzini per lo stoccaggio degli aiuti e da domani se ne aggiungerà un altro da 1000 metri quadri.Almeno 40 volontari a rotazione si alternano a Pescara nei vari magazzini in turno dalle 8,30 alle 22 tutti i giornoi compresi Pasqua e Pasquetta.Sono stati attivati altri punti di raccolta nelle nostre sedi di Chieti, Teramo, Giulianova, Città S.Angelo, Cepagatti, Spoltore, Loreto Aprutino, Manoppello, Sambuceto, San Vito Chietino e in numerosi altri piccoli centri.Stiamo garantendo la presenza giornaliera di almeno 40/50 volontari sui campi dove operiamo.7/8 furgoni ogni giorno fanno la spola tra i nostri depositi di Pescara e le aree del sisma rifornendo i nostri campi e anche le varie tendopoli dei piccoli centri.3 furgoni si muovono sulla costa per rifornimenti agli sfollati negli alberghi o nelle case vacanze.La sede regionale di Pescara sta funzionando dal primo giorno come centro di coordinamento, aperto dalle 8,30 fino a notte, raccogliendo richieste, segnalazioni, disponibilità solidali ai numeri 085/66788 e 085/61106.Finora sono arrivati circa 100 furgoni da ogni angolo d'Italia in tutte le ore della notte con aiuti raccolti dalle federazioni di Rifondazione, da associazioni e gruppi spontanei.Centinaia di persone hanno donato viveri ed indumenti in questi giorni portandoli nelle nostre sedi (a Pescara presso il circolo Gramsci di Piazza Grue).Abbiamo ricevuto decine e decine di lettere e mail di solidarietà da associazioni di ogni genere, dalle cooperative di exdetenuti agli ultras di varie città italiane.Ai nostri telefoni sono state raccolte centinaia di offerte di volontariato per le prossime settimane e la disponibilità di centinaia di posti letto – appartamenti e stanze in Abruzzo e nel resto d'Italia che stiamo smistando a chi ne fa richiesta.Abbiamo attivato un conto corrente bancario "Rifondazione per l'Abruzzo" sul quale stanno arrivando sottoscrizioni da tutta Italia. E' POSSIBILE SOTTOSCRIVERE ON LINE: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_s-xclick&hosted_button_id=2709047Ringraziamo tutte le persone che si stanno mettendo a disposizione, dalle decine di animatori pronti per il nostro asilo popolare ai diversi gruppi musicali e teatrali pronti ad animare i campi e, in particolare, le tante aziende che ci hanno contattato per offrire materiali di ogni genere. Marco Fars, segretario regionale PRC Maurizio Acerbo, consigliere regionale PRC ........................................................................................................................................
R I C H I E S T A R I F O R N I M E N T I
aggiornamento 13/04/09


INTIMO (NO USATO):
Pigiami – slip – canottiere – reggiseni – calze

IGIENE PERSONALE:
Pasta adesiva per dentiere – pasticche per dentiere - spugne da doccia nuove – sapone liquido – salviettine umidificate – dentifricio – spazzolini – schiuma da barba – rasoi – shampoo – assorbenti – detergente intimo – fazzoletti di carta – bacinelle per acqua – deodoranti donna/uomo – pomate e creme (adulti e bambini) – cotton fioK–

UENSILI:
Guanti in lattice da casa – spugne nuove per piatti – scolapasta – utensili da cucina – taglieri – vettovagliamento monouso – vassoi alimenti monouso – pettini – torce da campo – torce a dinamo – pile per torce - stendipanni e mollette

ALIMENTARI:
The – cacao in polvere – orzo – latte in polvere – caffè solubile – condimenti spezie/odori – olio per frittura – riso

PULIZIE:
Amuchina - detersivo per panni – detersivo per piatti – candeggina – sgrassatori – sacchetti immondizia – strofinacci - bidoni – taniche per acqua

VARIE:
Cosmetici – creme solari – ombrelli – K-way - –– bustine assorbi colori – pellicola alluminio – pellicola per alimenti - stufe a olio – gazebo a fisarmonica

MATERIALE SANITARIO:
Farmaci esclusivamente d’uso comune (aspirina, antinfiammatori) – acqua ossigenata citrosil – garze – cerotti

INDUMENTI
Tute uomo/donna – ciabatte (nuove) - cinte

Per il momento abbiamo sospeso le forniture di vestiario, latte, omogeneizzati, alimenti per bimbi ed acqua

Avvertenze: solo alimenti a lunga scadenza, indicare date di scadenza, se si consegna materiale dentro scatoloni (grandi raccolte) dividere il più possibile per tipologie,per gli indumenti dividere per tipologie e taglie

“Brigata di Solidarietà Attiva”
Partito della Rifondazione Comunista
Tel. 085 66 7 88

mail info@rifondazioneabruzzo.org
web http://www.rifondazione.it
http://www.partitosociale.org
......................................................................................................................................................................................................

PUNTI RACCOLTA ABRUZZO
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – PARTITO SOCIALE

PROVINCIA DI PESCARA

PESCARA C/O CIRCOLO “A. GRAMSCI”
piazza dei Grue, 39
orario 09.30 – 21.30
tel. 08566788

CITTA’ SANT ANGELO C/O CIRCOLO PRC
via Petruzzi (vicino clinica Villa Serena)
orario 10.00 – 13.00 / 15.00 – 20.00
tel. 3397531059

CEPAGATTI C/O CIRCOLO PRC “A. GRAMSCI”
viale Duca degli Abruzzi
orario 17.00 – 20.00
tel. 3937703631

SPOLTORE C/O Area E-spò
via dietro le Mura, 16/1
tel. 3335327500 – 3385619192

LORETO APRUTINO C/O CIRCOLO “P. IMPASTATO”
via dei Normanni, 5
orario 09.00 – 19.00
tel. 3392130511

PROVINCIA DI CHIETI

CHIETI C/O FEDERAZIONE PRC CHIETI
viale Majella, 72
orario 08.00 – 20.00
tel. 0871401151
cell. 3316821388

SAMBUCETO C/O CIRCOLO “P.IMPASTATO”
via Manzoni, 3
orario 09.30 – 13.30 / 14.30 – 20.30
tel. 3465703126

SAN VITO CHIETINO C/O CENTRO SOCIALE “L’ARREMBAGGIO”
orario 08.00 – 17.00
tel. 3395852959

PROVINCIA DI TERAMO

TERAMO C/O FEDERAZIONE PRC TERAMO
via della cittadella, 11
tel. 0861241511

GIULIANOVA C/O CIRCOLO RPC “P. DI MASSIMANTONIO”
corso Garibaldi, 43/45
orario 09.30 – 13.30 / 15.00 – 19.30
tel. 3471139192

martedì 7 aprile 2009

Rifondazione: Allestito un campo a Tempera (nei pressi di Paganica)

Comunicato stampa 7 aprile 2009
RIFONDAZIONE COMUNISTA: ALLESTITO CAMPO A TEMPERA

Prosegue il lavoro di solidarietà attiva
con le popolazioni aquilane.
Abbiamo approntato con i compagni della Federazione del PRC di Roma n.2 cucine da campo che sono state montate in località Tempera (vicino Paganica).
Abbiamo attivato vari centri di raccolta per COPERTE, VESTIARIO, PASTA, SCATOLAME, LATTE, OLIO, PELATI, ASSORBENTI, PANNOLINI, ACQUA, BISCOTTI, CAFFE', TE' ecc.:
. Pescara presso Circolo A. Gramsci in Piazza dei Grue 39 (tel 085/66788),
. Chieti presso la Federazione PRC, via Maiella 76 (tel. 0871/401151),
. Teramo presso la Federazione PRC, via della Cittadella 90 (tel. 0861/241511).
Ringraziamo le decine e decine di persone che ci hanno chiamato da tutta Italia per dare la propria disponibilità come volontari o per ospitare gli sfollati.
Chi volesse rendersi utile come volontario per i campi in allestimento può chiamare lo 085/66788.
Chi è disponibile ad ospitare persone e famiglie sfollate può chiamare lo 085/61106
Abbiamo attivato un conto corrente bancario per raccogliere fondi
RIFONDAZIONE PER L'ABRUZZO IBAN: IT32J0312703201CC0340001497
Ricordiamo di evitare di muoversi autonomamente ma sempre coordinandosi con strutture organizzate e protezione civile.
Tutte le info sui siti www.rifondazionepescara.net; www.rifondazione.it e
www.rifondazioneabruzzo.org o chiamando lo 085/66788

Marco Fars, segretario regionale PRC
Maurizio Acerbo, consigliere regionale PRC

P.S.: tra i tanti che si sono attivati vogliamo ricordare un compagno di Torino che è arrivato a Pescara questa notte alle 4,22 in treno per consegnarci 2.700 euro raccolti ieri mattina tra i compagni di Rifondazione.

lunedì 6 aprile 2009

Dati e considerazioni sul terremoto a L'Aquila.

Riguardo alle notizie precise e dettagliate sul terremoto che ha gravemente colpito l'Hinterland dell'Aquila, ormai si stanno dispiegando le energie di intere redazioni di testate nazionali, televisive, cartacee e on-line

Vorrei solo accennare alcuni dati e cosiderazioni: i morti accertati fino ad ora, 14.47 del 6 Aprile 2009, sono circa 50, ma come è normale in questi casi, questo numero salirà di molto, purtroppo.

Dal 14 Dicembre fino a oggi L'Aquila sta subendo una lunga serie di scosse non particolarmente forti. Quella di ieri notte, avvenuta all'incirca alle 3 e 30, è stata fortissima, e ha raggiunto il grado di 5,8 magnitudo della scala Richter.

I danni si alle case e alle persone si son riscontrati sostanzialmente solo nella zona dell'Aquila.

Anche io però, che vivo a Pescara sulla costa, a 80-100 km dall'Aquila, sono stato svegliato da un forte rumore.Sembrava che vi fosse un vento molto forte che scuotesse le imposte delle finestre.
Per un po' la casa ha tremato.

Proprio ieri avevo letto per caso che nel 1915 l'Abruzzo fu colpito da un terremoto che come potenza superava addirittura quello di Messina, classificandosi tra i più grandi terremoti degli ultimi 100 anni in tutto il mondo, con una rilevazione di 7,5 magnitudo della scala Richter. I morti furono 35 000 circa.

Il terremoto di Messina del 1908, pur essendo meno forte nell'intensità (7,1 magnitudo, provocò oltre 100 000 morti.

Uno tecnico che risiede in Abruzzo, Giampaolo Giuliani, aveva predetto una forte scossa sismica per il 29 Marzo, a Sulmona. Aveva dunque allertato il sindaco.

E' stato denunciato per procurato allarme dalla magistratura.
Secondo lui, i terremoti si possono prevedere, perchèsia lui che i sismologi possono monitorare la fuoriuscita dal sottosuolo di un gas chiamato radon, che si libera prima che un terremoto sia avvertibile da tutti.

La sua vicenda è ben raccontata da un'intervista di ieri, su "Il Giornale":
http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=341979


I terremoti sono un evento naturale, che non può essere evitato. Sono ciclici, e in una zona sismica si sa che si ripeteranno, non si sa quando e con quale intensità. Vi è solo la certezza.

Molto però si può fare in termini di organizzazione preventiva, tenendosi pronti il più possibile a queste emergenze e costruendo le nuove abitazioni secondo criteri antisismici.

Questa catastrofe deve servire da monito per il futuro a farci trovare pronti.