Televizijos bokštas




Nella foto: la "Torre della televisione" di Vilnius. Alta 326,5 metri, fu ultimata nel 1980. Il 13 Gennaio 1991, dopo la proclamata indipendenza della Lituania, le truppe sovietiche ne presero il controllo. La popolazione tentò di insorgere e negli scontri morirono 14 civili, un soldato russo e in 700 rimasero feriti.

Avvertenza

E' consentito riportare e linkare gli articoli di questo sito, a patto che vengano riportati nome, cognome e fonte. L'autore si avvale della facoltà di tutelare i contenuti qui pubblicati nelle sedi e nei modi che riterrà più opportuni.
Il blog di Andrea Russo è un sito di opinione e di intrattenimento. Non è, nè intende, essere una testata giornalistica e non ne ha le caratteristiche (redazione, periodicità fissa, registrazione presso un tribunale, et cetera).
E' pertanto dispensato dalle regole riguardanti la stampa nei periodi elettorali.

La tua pubblicità su questo sito

LA TUA PUBBLICITA' SU QUESTO SITO

Il blog di Andrea Russo conta più di 30 000 pagine visualizzate all'anno. Vuoi pubblicizzare la tua attività su queste pagine? Puoi contattarmi all'indirizzo email: andrearusso1979@hotmail.it


martedì 22 aprile 2008

Politica - Verso il liberismo

L'Italia ha voltato pagina. Che ci piaccia o no, ha scelto il centrodestra con largo margine di voti.
Il Popolo delle libertà è una forza che si dichiara liberale, ma nei fatti lo è in maniera molto timida.

La Lega invece è molto più liberista e persegue l'ideale della sicurezza anche di più dei suoi alleati. E questa volta sembra fare sul serio, a quanto è trapelato: federalismo fiscale e misure più drastiche contro gli immigrati irregolari.
Pur con tutti i suoi difetti, la Lega potrebbe dare uno scossone positivo al centrodestra per spingere il paese a quelle riforme liberali di cui ha tanto bisogno.

Il federalismo fiscale è un'opportunità anche per il sud.
Il controllo sugli immigrati non in regola è richiesto da tutti, e questo la sinistra non lo ha capito. La legge Bossi-Fini era fatta molto all'acqua di rose, e si è visto. E la ciliegina sulla torta è stata la sanatoria voluta dal centrodestra.
E' una bugia colossale che il centrodestra sia e sia stato contro gli stranieri.

L'estrema sinistra gridava : "Siamo tutti clandestini, no alla legge Bossi-Fini". In Italia, come altrove, però, ci dobbiamo basare sui fatti: nel nostro paese gli immigrati irregolari non vengono accompagnati sotto scorta fino al loro paese di origine: gli si da in mano un ordine di espulsione, e li si lascia liberi. In teoria dovrebbero andarsene da soli. Se vengono ripescati in Italia, nonostante questo provvedimento, vengono messi in un centro di accoglienza temporanea per alcuni mesi, e alla fine della detenzione gli si da un altro provvedimento di espulsione.

Questo avviene all'infinito.

E' giusto che l'Alitalia rimanga in mani Italiane. Non è solo una questione di facciata (per l'orgoglio della nostra gente e dei nostri governi anche questo è importante), ma perchè gli imprenditori italiani hanno interessi in Italia e reinvestono i loro soldi sul territorio italiano, creandovi occupazione.

Berlusconi è stato inerte in materia di privatizzazioni. Lo stato italiano produce ancora giornali, sigarette, ha aziende pubbliche, ha una macchina burocratica e un sistema di enti e di istituzioni elefantiaca.
Con lo statalismo tanti fannulloni hanno buon gioco, i raccomandati vanno avanti, molte persone rubano denaro pubblico, la "casta" può mettere le mani su grandi risorse di ogni genere.
C'è bisogno a mio avviso di :

- Privatizzazioni di tanti enti inutili e aziende pubbliche.
- Taglio dei fondi per organismi parassitari che non creano un'economia virtuosa ma gravano su tutti noi.
- Ridurre il numero dei parlamentari.
- Ridurre un gran numero di spese.
- Introdurre la cultura dello "sponsor" privato al posto della richiesta sistematica dei fondi pubblici.
- Investire sulle tecnologie e sulla qualità: chi è padrone di una tecnologia è il padrone del vapore, e chi investe sulla qualità non teme la concorrenza estera della manodopera a basso costo.
- Migliorare l'istruzione, rendendola più selettiva.

- Far lavorare i professori universitari, che fanno il porprio comodo senza nessuno che li controlli.
- Fare delle convenzioni con le cliniche private, senza dare loro soldi; proporrei, ad esempio, una aggiunta ragionevole al ticket per fare la visita nelle stutture private, dove il servizio è più celere. Stesso discorso per le università e le scuole private, che non devono avere finanziamenti da parte dello stato , ma devono solo essere agevolate.

- In virtù delle privatizzazioni e dei tagli alle spese che ho ipotizzato, si dovrebbe, di conseguenza, abbassare le tasse a tutti i cittadini.

Un'ultima considerazione: un lavoratore autonomo che ha un reddito di 5.950 euro l'anno deve pagare le tasse.
Chi guadagna 500 euro al mese, in pratica, è tenuto a fare la dichiarazione dei redditi. Chi ha una ditta individuale, invece, anche se guadagna 0 euro o è in perdita, deve comunque pagare un minimo di 2500 euro come contributo Inps. Vergognoso.




Brussels Airlines

giovedì 10 aprile 2008

Notizie Abruzzo-Politica. Separati alla nascita














Remo Gaspari, ex pezzo grosso della Democrazia Cristiana, oggi 87 enne, afferma: "Negli anni del terrorismo giravo con una pistola in tasca e senza scorta, pronto a sparare per difendere la mia vita. Non volevo che altre persone morissero per causa mia".
Gaspari dunque, sfoggia dal cilindro della memoria un nuovo coniglio: la figura del Remo pistolero e pronto a inscenare un duello stile spaghetti-western ci mancava davvero.