Televizijos bokštas




Nella foto: la "Torre della televisione" di Vilnius. Alta 326,5 metri, fu ultimata nel 1980. Il 13 Gennaio 1991, dopo la proclamata indipendenza della Lituania, le truppe sovietiche ne presero il controllo. La popolazione tentò di insorgere e negli scontri morirono 14 civili, un soldato russo e in 700 rimasero feriti.

Avvertenza

E' consentito riportare e linkare gli articoli di questo sito, a patto che vengano riportati nome, cognome e fonte. L'autore si avvale della facoltà di tutelare i contenuti qui pubblicati nelle sedi e nei modi che riterrà più opportuni.
Il blog di Andrea Russo è un sito di opinione e di intrattenimento. Non è, nè intende, essere una testata giornalistica e non ne ha le caratteristiche (redazione, periodicità fissa, registrazione presso un tribunale, et cetera).
E' pertanto dispensato dalle regole riguardanti la stampa nei periodi elettorali.

La tua pubblicità su questo sito

LA TUA PUBBLICITA' SU QUESTO SITO

Il blog di Andrea Russo conta più di 30 000 pagine visualizzate all'anno. Vuoi pubblicizzare la tua attività su queste pagine? Puoi contattarmi all'indirizzo email: andrearusso1979@hotmail.it


sabato 12 settembre 2015

Pescara-Perugia 2-1:le voci dallo spogliatoio



(Nella foto: Gianluca Caprari)

La gioia di Oddo, lo sfogo di Caprari, la fiducia di Bisoli Il primo a parlare in sala stampa è Massimo Oddo, che aveva vissuto un po' nervosamente il pre-campionato e la prima cocente sconfitta del torneo al Livorno. 



Oggi è tornato a sorridere, conscio di aver recuperato lo spirito guerriero che il suo Pescara aveva mostrato tre mesi prima durante i play off. 

"Sono contento perchè la squadra ha ritrovato la voglia di lottare", 
ha esordito il tecnico. 

"Il fattore mentale conta molto. Abbiamo subito critiche pesanti durante la settimana, ci può stare, il gruppo le ha sentite ed ha reagito sul campo dimostrando il suo valore. Tutti i 14 giocatori che ho schierato oggi, tra quelli che c'erano dall'inizio e quelli che sono subentrati, si sono espressi bene. Dobbiamo rimanere concentrati ora e guardare avanti". 

Noi di Calcioweb.eu gli abbiamo visto la squadra più corta e più preparata fisicamente rispetto a qualche giorno fa col Livorno. Abbiamo chiesto ad Oddo: 

 Ha dato delle disposizioni particolari ai ragazzi per migliorare la forma fisica? E tatticamente, è cambiato qualcosa? 

"La forma fisica è più o meno la stessa, la preparazione è stata mandata avanti per più di due mesi, siamo pronti per affrontare questo lungo campionato. Per quanto riguarda la tattica, è cambiato solo il fatto che questa volta giocavamo in 11, mentre l'altra volta abbiamo subito una espulsione dopo 5 minuti"

Pierpaolo Bisoli, mister del Perugia, ha difeso la sua squadra nonostante la sconfitta: 

"Abbiamo giocato bene, abbiamo lottato e corso contro una squadra difficile da affrontare. Abbiamo cercato di riaprire la gara nonostante il 2 a 0, ci siamo riusciti in parte ma il nostro goal è arrivato tardi. Nonostante tutto la squadra è rimasta compatta e non si è mai arresa, il Pescara è stato più bravo a sfruttare le azioni a suo favore, ma a mio avviso noi non siamo stati inferiori e c'è stato equilibrio"

Alla nostra domanda: Il Perugia è sembrato consapevole della sua forza e molto fiducioso di poter fare bene, ma lei sente la stessa fiducia tra i tifosi? Bisoli ha risposto con sicurezza. 

"Io ho detto dall'inizio che ci sono quattro o cinque squadre più forti di noi, il Pescara parte favorito per la vittoria del campionato, noi no. Nonostante questo, sappiamo di essere forti e ci giocheremo le nostre occasioni fino all'ultimo respiro". 

Gianluca Caprari è un ventiduenne fantasista del Pescara. Fece molto bene nell'anno della promozione con Zeman in riva all'Adriatico. Venne in Abruzzo dal vivaio della Roma e dopo una serie di prestiti è rimasto stabilmente nella città del Vate. 

Una parte della tifoseria lo ha un po' preso di mira negli ultimi due anni per lo scarso feeling con il goal. Il ragazzo è bravo nel dribbling, nell'assist, è bello a vedersi ma spesso non ha trovato la giusta cattiveria sottoporta. 

Stavolta si è sbloccato in una gara di campionato con un bellissimo goal in contropiede. Il suo urlo è stato liberatorio e si è tolto la maglia: una esultanza molto plateale, ha urlato come un pazzo ed ha fatto cenno di stare zitti agli spettatori della tribuna che lo avevano fischiato al suo ingresso in campo. 

Lo stesso mister Oddo ha detto alla stampa: 

"Guardatelo con benevolenza, si è voluto sfogare dopo tante pressioni ricevute. E' un ragazzo serio e ha solo ventidue anni, questi slanci possono essere comprensibili". 

Diamo a Cesare ciò che è di Cesare: Caprari è stato criticato un po' troppo da una fetta della tifoseria, e lui ha confessato: 

"Quando scendo in campo, sento spesso delle voci dal pubblico: -Oh no, ha messo Caprari-. Le stesse voci le sento quando subentro ad un compagno nel corso della partita -No, no, perchè lo fa entrare?- Ero un po' stufo e con questo goal mi sono sfogato" 

Gli abbiamo chiesto: Non pensi che forse è importante nel calcio professionistico fare un training psicologico su sè stessi, lasciando che le voci che provengano dall'esterno ci trovino "impermeabili? La piazza di pescara, come sai, è abbastanza esigente-. 

"Ma io sono quattro anni che cerco di fregarmene, poi però ho accumulato la rabbia e l'ho sfogata". 

-Ti sei sbloccato stavolta, dì la verità, psicologicamente ora ti sentirai più libero-

"Sento di essermi sfogato, piuttosto, se mi nsono sbloccato con i goal lo vedremo sul campo"

dichiara sorridendo, con la pacatezza e il suo volto quasi timido che lo hanno contraddistinto da quando è giunto a Pescara. Una cosa è certa: se si sveglia anche Caprari e se la squadra gioca così, il Pescara inizierà davvero ad essere una macchina da goal.

Andrea Russo per
Calcioweb.eu


Nessun commento: