Televizijos bokštas




Nella foto: la "Torre della televisione" di Vilnius. Alta 326,5 metri, fu ultimata nel 1980. Il 13 Gennaio 1991, dopo la proclamata indipendenza della Lituania, le truppe sovietiche ne presero il controllo. La popolazione tentò di insorgere e negli scontri morirono 14 civili, un soldato russo e in 700 rimasero feriti.

Avvertenza

E' consentito riportare e linkare gli articoli di questo sito, a patto che vengano riportati nome, cognome e fonte. L'autore si avvale della facoltà di tutelare i contenuti qui pubblicati nelle sedi e nei modi che riterrà più opportuni.
Il blog di Andrea Russo è un sito di opinione e di intrattenimento. Non è, nè intende, essere una testata giornalistica e non ne ha le caratteristiche (redazione, periodicità fissa, registrazione presso un tribunale, et cetera).
E' pertanto dispensato dalle regole riguardanti la stampa nei periodi elettorali.

La tua pubblicità su questo sito

LA TUA PUBBLICITA' SU QUESTO SITO

Il blog di Andrea Russo conta più di 30 000 pagine visualizzate all'anno. Vuoi pubblicizzare la tua attività su queste pagine? Puoi contattarmi all'indirizzo email: andrearusso1979@hotmail.it


sabato 12 settembre 2015

Pescara-Perugia 2-1 : alcune considerazioni

Un commento sulla partita Pescara-Perugia, conclusasi 2-1 con goals di Memushaj (Pe) su rigore al '30 del primo tempo, Caprari (Pe) al '30 del secondo tempo, Di Carmine (Pg) al '1 dei quattro minuti di recupero. (Immagini di Tv6)



Sarà un campionato lungo e interessante, la serie B di quest'anno. Quasi tutte le squadre hanno un organico forte e sono poche quelle da considerare in lotta per la salvezza. Con un torneo così equilibrato c'è da aspettarsi di tutto e questo dona alla serie cadetta una qualità che nemmeno la serie A dei nomi blasonati possiede. 

Una ulteriore riprova è fornita da Pescara-Perugia, un dolce spettacolo per gli occhi dello sportivo. Prestanza atletica, bei goals e belle giocate hanno caratterizzato l'anticipo serale in riva all'Adriatico. 

Entrambe le squadre hanno giocato per vincere e il Perugia, sconfitto di misura per 2 a 1, esce dal confronto a testa alta. 

Agli uomini di Bisoli è mancata un po' di cattiveria in più sotto porta, ma hanno mostrato un ottimo calcio, con una difesa rocciosa, un centrocampo molto mobile ed attaccanti interessanti ai quali manca solo di sbloccarsi e un po' di fantasia in più a centrocampo che permetterebbe agli arieti umbri di smarcarsi meglio. 

Il Pescara invece si è scoperto "bello-di-notte", con una prestazione superlativa che ha riportato le lancette indietro di tre mesi. Oddo giunse all'ultima partita di campionato e allenò per altre 5 partite di play off, fino alla finale. 

Dalla prima gara l'ex giocatore del Milan cambiò volto al Delfino. Il suo carisma e positività, pari al mitologico Achille, sgombrò la testa dei giocatori da mille paure. 

Famose sono rimaste le sedute di riscaldamento sulla spiaggia per far sentire ai giocatori il contatto col pubblico e per far circolare il flusso della positività e dell'affetto tra i Pescaresi e i loro beniamini. 

"Guardateci, non abbiamo paura di voi tifosi, siamo con voi e vi vogliamo vicini" Questo lungo excursus serve a spiegare quello che è successo ieri sera in campo. 

Oddo, sebbene giovane, è un grande psicologo, capace di toccare le corde giuste dei suoi uomini. Nella prima di campionato i biancazzurri erano rimasti in 10 e sotto di un goal dopo 5 minuti per un fallo in area di rigore del portiere Fiorillo. 

Al di là di questo, la squadra era sembrata fiacca e demotivata, perdendo 4 a 0. Sono passati cinque giorni e mezzo e abbiamo visto un'altra squadra: corta e aggressiva e non lunga, distratta e molle come a Livorno. Concentrata e pungente in attacco, con gli attaccanti mossi come dalla "divina mainia" che coglie d'istinto gli artisti. La voglia di non farsi superare da parte dei difensori, la fantasia e la gioia di giocare ha animato gli attaccanti. 

Il Pescara ha un bel gioco, il suo migliore acquisto è stata la conferma del suo allenatore. Ha giovani elementi per palati fini in organico, come Verre e Mandragora e ne ha altri fantasiosi come Caprari e Lapadula. 

C'è Cocco, capocannoniere l'anno scorso col Vicenza. Ce ne sono anche altri. Se giocano come ieri, possono andare molto lontano. Il Perugia ha prodotto, da parte sua, delle belle azioni. 

Ricordiamo uno stacco poderoso di Ardemagni di testa su assist di Del Prete e l'eurogoal di Di Carmine. 

Che campionato di serie B sarà, ragazzi. Ci sono tante altre squadre interessanti oltre a Pescara e Perugia. E siamo solo all'inizio...

Andrea Russo
per Calcioweb.eu

Nessun commento: