Televizijos bokštas




Nella foto: la "Torre della televisione" di Vilnius. Alta 326,5 metri, fu ultimata nel 1980. Il 13 Gennaio 1991, dopo la proclamata indipendenza della Lituania, le truppe sovietiche ne presero il controllo. La popolazione tentò di insorgere e negli scontri morirono 14 civili, un soldato russo e in 700 rimasero feriti.

Avvertenza

E' consentito riportare e linkare gli articoli di questo sito, a patto che vengano riportati nome, cognome e fonte. L'autore si avvale della facoltà di tutelare i contenuti qui pubblicati nelle sedi e nei modi che riterrà più opportuni.
Il blog di Andrea Russo è un sito di opinione e di intrattenimento. Non è, nè intende, essere una testata giornalistica e non ne ha le caratteristiche (redazione, periodicità fissa, registrazione presso un tribunale, et cetera).
E' pertanto dispensato dalle regole riguardanti la stampa nei periodi elettorali.

La tua pubblicità su questo sito

LA TUA PUBBLICITA' SU QUESTO SITO

Il blog di Andrea Russo conta più di 30 000 pagine visualizzate all'anno. Vuoi pubblicizzare la tua attività su queste pagine? Puoi contattarmi all'indirizzo email: andrearusso1979@hotmail.it


venerdì 22 aprile 2011

Pescara-Frosinone 1-1, pessima prestazione ed errori arbitrali

(In collaborazione con Abruzzoblog.it)


Non bisogna girarci attorno: Il Pescara ieri meritava di perdere, e se così non è avvenuto, è stato solo a causa delle sviste di un arbitro, il signor Andrea Corletto da Castelfranco Veneto, in buona fede ma assolutamente fuori forma.

Nel primo tempo succede poco: da segnalare due colpi di testa, uno del pescarese Bucchi su assist di Bonanni al 2', e la risposta di Stellone all'11' che devia una palla calciata su punizione da Bianco.
Masucci nel secondo tempo sembra una scheggia impazzita e mette in crisi la retroguardia biancoazzurra: oltre al suo goal al 63' ci sono due atterramenti in area di rigore, di cui uno ai suoi danni, che il direttore di gara Corletto non fischia, chissà perchè: di più plateale c'era solo un colpo di lupara.
Così come eccessivo, dopo una gara abbastanza corretta, è sembrato il recupero di 6 minuti, poi diventati più di 7 prima del triplice fischio finale, in cui Sansovini, da poco subentrato, ha siglato il goal del pari: palla che tra una serie di rimpalli arriva all'attaccante, che non la lascia toccare a terra e colpisce al volo di collo pieno: 1-1. Il Pescara ha giocato proprio dall'87' in poi, arrivando quasi a raddoppiare attaccando con 5-6 uomini: sarebbe stata però una beffa troppo ingiusta per un Frosinone che pur non dimostrando un calcio trascendentale ha fatto molto di più.
Andrea Russo

Nessun commento: