Televizijos bokštas




Nella foto: la "Torre della televisione" di Vilnius. Alta 326,5 metri, fu ultimata nel 1980. Il 13 Gennaio 1991, dopo la proclamata indipendenza della Lituania, le truppe sovietiche ne presero il controllo. La popolazione tentò di insorgere e negli scontri morirono 14 civili, un soldato russo e in 700 rimasero feriti.

Avvertenza

E' consentito riportare e linkare gli articoli di questo sito, a patto che vengano riportati nome, cognome e fonte. L'autore si avvale della facoltà di tutelare i contenuti qui pubblicati nelle sedi e nei modi che riterrà più opportuni.
Il blog di Andrea Russo è un sito di opinione e di intrattenimento. Non è, nè intende, essere una testata giornalistica e non ne ha le caratteristiche (redazione, periodicità fissa, registrazione presso un tribunale, et cetera).
E' pertanto dispensato dalle regole riguardanti la stampa nei periodi elettorali.

La tua pubblicità su questo sito

LA TUA PUBBLICITA' SU QUESTO SITO

Il blog di Andrea Russo conta più di 30 000 pagine visualizzate all'anno. Vuoi pubblicizzare la tua attività su queste pagine? Puoi contattarmi all'indirizzo email: andrearusso1979@hotmail.it


sabato 7 gennaio 2017

Gli Italiani isterici per qualche fiocco di neve

L'Italia in questi giorni è investita da qualche nevicata sparsa su larga parte del territorio, ricoprendo di bianco anche qualche zona costiera e del sud dove tale fenomeno non avviene spesso.

Come nel gennaio del 2012, una isteria collettiva ci riguarda, come se fosse in atto un bombardamento.

Italiani, ricordiamoci che è solo neve.

La cosa migliore che può fare un giornalista è riportare quello che vede di persona. Nella mia città, Pescara, è caduto qualche centimetro di neve. Le strade sono assolutamente percorribili, anche quelle delle zone collinari dove il ghiaccio in genere crea più insidie.

Tutta la superficie carrabile del capoluogo è stata ben spazzata e non c'è bisogno delle catene, basta andare piano e si può andare dovunque.

Al di là dei commenti che si sentono in giro e in televisione, quello che mi lascia esterrefatto è che tutti i centri commerciali hanno deciso di chiudere ampiamente in anticipo e molti negozi all'interno sono rimasti chiusi addirittura, 

invece di approfittare del fatto che comunque un discreto numero di persone non aveva rinunciato a recarvisi.

Le attività di grande distribuzione sono fatte proprio per approfittare del tempo avverso. Quando fà troppo caldo o troppo freddo o piove, la gente li sceglie proprio per ripararsi in un posto coperto e climatizzato.

Il punto è: perchè tutta questa fifa? Si tratta di pochi stupidi centimetri di neve. Dopo la sbornia natalizia fatta di pause e di cenoni indigesti, ce n'era bisogno?

Gli Italiani come mammolette impaurite indietreggiano di fronte a così poco?

Cosa dovrebbero fare i popoli nordici, che convivono con la neve sei mesi all'anno? Dovrebbero barricarsi in casa con le provviste di fagioli?

Secondo me questo è un ennesimo sintomo di una nazione che invecchia e che è sempre più ansiosa e impaurita.

Essere cauti può andare bene, chiudersi in casa, per nulla, no.

Nessun commento: