Televizijos bokštas




Nella foto: la "Torre della televisione" di Vilnius. Alta 326,5 metri, fu ultimata nel 1980. Il 13 Gennaio 1991, dopo la proclamata indipendenza della Lituania, le truppe sovietiche ne presero il controllo. La popolazione tentò di insorgere e negli scontri morirono 14 civili, un soldato russo e in 700 rimasero feriti.

Avvertenza

E' consentito riportare e linkare gli articoli di questo sito, a patto che vengano riportati nome, cognome e fonte. L'autore si avvale della facoltà di tutelare i contenuti qui pubblicati nelle sedi e nei modi che riterrà più opportuni.
Il blog di Andrea Russo è un sito di opinione e di intrattenimento. Non è, nè intende, essere una testata giornalistica e non ne ha le caratteristiche (redazione, periodicità fissa, registrazione presso un tribunale, et cetera).
E' pertanto dispensato dalle regole riguardanti la stampa nei periodi elettorali.

La tua pubblicità su questo sito

LA TUA PUBBLICITA' SU QUESTO SITO

Il blog di Andrea Russo conta più di 30 000 pagine visualizzate all'anno. Vuoi pubblicizzare la tua attività su queste pagine? Puoi contattarmi all'indirizzo email: andrearusso1979@hotmail.it


domenica 14 marzo 2010

Delfino Pescara: piegata la Spal. Ora c'è più fiducia intorno alla squadra

Vince e convince il Pescara di Eusebio Di Francesco, che con molta concentrazione e sacrificio batte meritatamente una Spal mai doma.E' Coletti al 10' a propiziare la marcatura, con un potente tiro che Capecchi non riesce e bloccare. Dettori lesto ribatte e lo infila.La Spal però dà l'impressione di essere viva, soprattutto con le incursioni di un buon Cipriani, che nel primo tempo si trova a tu per tu con Pinna, ma il portiere biancazzurro sventa la minaccia coi piedi.Il Pescara soffre ma merita il vantaggio: Sansovini ci prova in tutti i modi a sbloccare il suo lungo digiuno, ma non è giornata. Gioca alla grande, però, nel ruolo di unica punta con i trequartisti Soddimo, Dettori e il diciannovenne Inglese (che si impone con la sicurezza di un veterano) alle spalle.Il Pescara non lascia punti di riferimento, e anche giocatori dei reparti arretrati ogni tanto si inseriscono creando pericoli.Innumerevoli le conclusioni in porta, con un ottimo Capecchi a sventare il peggio al 46' e al 64' su Sansovini e al 47' su Inglese.Mosse tattiche nel finale: entra Paolo Rossi, classe '83 e omonimo del campione del mondo ora vicepresidente del Pescina Vdg, terza punta insieme a Bazzani e Cipriani, mentre Di Francesco schiera Zappacosta in luogo di Soddimo e Sembroni al posto di Sansovini. Gioca il suo scampolo di partita anche Marco Ganci, mentre il Pescara soffre e porta però a casa i tre punti. Il Verona intanto pareggia a Pescina e le distanze si assottigliano rispetto al Pescara che è terzo, con uno scontro diretto ancora da giocare in terra scaligera.

Nessun commento: